Progetto triennale realizzato dalla.s. 2003-04 alla.s. 2005-06 nel corso di Informatica 2, coordinato dalle docenti Maria Elisa Galli e Giovanna Busconi.
Obiettivi raggiunti:


"Il Web, se opportunamente acquisito, guidato e fruibile, costituisce uno strumento di concreta democrazia, via di libero accesso alla conoscenza per ognuno di noi, a maggior ragione per le persone diversamente abili: il life long learning davvero per tutti."

Dal libro

A cura di U.Locatelli, S.Torre
Contributi di G. Busconi e M.E. Galli

Indice

Presentazione

Dall'idea al progetto
        Idea e realizzazione
        Contesti
        Risorse
        Internet senza barriere
        Considerazioni

Web accessibile
        Web per i disabili
        Regole di riferimento
        Validatori
        "Il progetto pseudoente"

Il metodo di lavoro
        La grafica del sito
        Impostazione grafica generale
        Esplorazione e pre-analisi
        Approfondimenti
        Progettazione delle icone
        Progettazione delle immagini

Icone: dalla ricerca al design

Il software del sito
        Struttura
        Testata
        I pro e i contro delle tabelle
        Corpo della pagina
        Menu di navigazione
        Motore di ricerca interno
        Funzione di ricerca
        Barra di chiusura

Gli strumenti
        Codici
        Codice di Header
        Codice testata
        Codice form di ricerca
        Codice menu verticale categorie
        Elementi caratteristici dei fogli di stile
        Ricerca full-text

I test
        Questionari
        Test di usabilità
        Test di accessibilità

Bibliografia

Linkopedia

Gli autori

Appendice
        Intervento in-formativo iniziale in aula
        Elaborazioni e statistiche
        Test di usabilità presso l'Unione Italiana Ciechi
        Riorganizzazione finale del sito


Presentazione

Quando a scuola si parla di progetti, non sempre si riesce a rendere chiaro l'utilità di quello che si fa.

Quello che segue l'esempio riuscito di un'idea che prende forma, corpo e sostanza in una realizzazione che ha retto un impegno di tre anni con il lavoro di tante persone: della scuola prima di tutto, ma anche di professionisti, associazioni, e imprenditori che hanno aiutato, con la loro esperienza, a rendere concreta una proposta didattica.

Un ringraziamento particolare va rivolto agli studenti che concludono il loro percorso formativo con l'esame di stato e con un "prodotto" che dimostra sul campo quanto hanno saputo apprendere in conoscenze e competenze, sostenuti dalla professionalità dei docenti e dei tecnici della scuola, per un'impresa che significativa anche per la sensibilità dimostrata alle tematiche della solidarietà e dell'inclusione sociale per tutti i cittadini, compresi quelli più svantaggiati.

Come preside mi auguro infine che questa esperienza contribuisca a far crescere una cultura più consapevole e responsabile verso i problemi che quotidianamente una società evoluta deve affrontare e risolvere e che tale auspicio si realizzi intanto stabilmente nel lavoro scolastico di docenti e studenti.

Gian Paolo Binelli

Dall'idea al progetto

Idea e realizzazione

L'idea di focalizzare l'attenzione sull'acces-sibilità e fruibilità dei siti Internet da parte di utenti disabili nata nel 2003 in ambito aziendale grazie a Stefano Torre, titolare dell'azienda informatica INFONET. Gettata come seme nell'Istituto statale ISII Marconi, ha trovato terreno fertile per la sua crescita.
Dall'idea "project core", apparentemente semplice, docenti e tecnici aziendali si addentrano nei meandri di una complessità crescente; manipolano, modellano e danno corpo all'immateriale operando tra creatività e razionalità; tra ideazione, pianificazione e applicabilità, in un continuo divenire di potenziali nuovi ambiti di ricerca.
Prende corpo un progetto assai complesso, che rapidamente trova la condivisione e la disponibilità alla collaborazione da parte del territorio (enti, istituzioni, associazioni, organizzazioni): il Web, se opportunamente acquisito, guidato e fruibile, costituisce uno strumento di concreta democrazia, via di libero accesso alla conoscenza per ognuno di noi, a maggior ragione per le persone diversamente abili: il life long learning davvero per tutti. Il 2003 proclamato anno del disabile dal Consiglio d'Europa.
Stefano Torre vuole dar corpo all'idea coinvolgendo un gruppo di giovani studenti con l'obiettivo di avviare anche un processo di sensibilizzazione al problema; per questo si rivolge a due docenti dell'istituto Tecnico "G. Marconi" di Piacenza, Giovanna Busconi e Maria Elisa Galli, con le quali ha collaborato nel recente passato.
L'idea entusiasma e cos prende forma, traducendosi in un processo produttivo.
Nasce Internet Senza Barriere (ISB) - Accessibilità e fruibilità dei siti Internet in situazioni di handicap permanente o temporaneo.
L'obiettivo primario quello di realizzare, con una classe di allievi del corso di informatica, un sito Internet operativo che sia in grado di fornire informazioni su svariati argomenti di interesse comune e di eliminare le numerose difficoltà d'uso, consentendo una navigazione facilitata rispondente ai bisogni umani e alle esigenze tecniche "speciali" di una potenziale utenza "speciale".
Navigazione facilitata perchè progettata a partire dall'ascolto diretto e dalla rilevazione delle problematiche segnalate dalle persone che ogni giorno incontrano difficoltà nella fruizione di Internet perchè l'accesso risulta distante dalle loro diverse abilità.
Idea complessa da concretizzare, anche per la portata del progetto stesso che con tutta evidenza pone nell'immagine e nella rappresentazione grafica il focus principe da sviluppare. Su questo tema viene coinvolto Ugo Locatelli, ricercatore visuale, che da anni studia la realtà come una storia aperta dello sguardo, un luogo in cui il nostro senso di reale-irreale-diversamente reale interagisce con altri esseri umani e col mondo.

Contesti

L'Istituto Statale di Istruzione Industriale Marconi porta ogni anno al diploma di perito informatico alcune classi di allievi ed fondamentale per loro, oltre all'attenzione all'altro come formazione personale, anche la conoscenza di un settore di sviluppo che sar parte della loro professione futura.
La pertinenza del progetto ISB con la figura del perito informatico del tutto evidente.
Viene coinvolta una classe terza perchè possa seguire tutte le fasi del progetto e portarlo a termine nell'arco dei tre anni di corso: la classe terza informatica 2 dell'anno scolastico 2003-04.
I ragazzi dimostrano immediatamente forte interesse e un gruppo consistente si butta a capofitto, senza risparmio, anche in orario extracurricolare, nelle attività via via programmate, guidati per quanto concerne gli aspetti tecnici da Stefano e Giovanna, loro docente informatica, e da Maria Elisa, loro docente di elettronica, per quanto concerne gli aspetti organizzativi.
L'accessibilità a Internet risulta nel 2003 gi normata da standard europei come il W3C. Nello stesso arco di tempo il ministro dell'Innovazione tecnologica, onorevole Stanca, formula una proposta che diventa presto legge (04/2004) e che ha come obiettivo: "omissis... favorire l'accesso dei disabili agli strumenti informatici, evitando che le nuove tecnologie determinino forme di emarginazione forse ancora più inquietanti di quelle ad oggi conosciute e, anzi, promuovendo l'uso delle medesime come fattore abilitàante e di superamento delle disabilità e delle esclusioni.
Lo scopo della legge, in applicazione del principio costituzionale di eguaglianza, quello di abbattere le "barriere virtuali" che limitano l'accesso dei disabili alla Società della Informazione e li escludono dal mondo del lavoro, dalla partecipazione democratica, da una migliore qualità della vita.
Si tratta quindi di garantire anche ai cittadini disabili il diritto di accesso alle risorse informatiche e ai servizi telematici, assicurando anche a loro una migliore opportunità di conoscenza, istruzione, lavoro, informazione ed intrattenimento.
Dopo la promulgazione della legge Stanca, molti esperti si mettono al lavoro nella direzione di dare risposte concrete alla legge; nonostante ISB sia uno dei primi progetti a partire, non riesce a tagliare per primo il traguardo: il suo compimento posticipato a causa di ritardi. Ci per necessità e non per scelta: la scuola ha anche altri obiettivi irrinunciabili da perseguire. I ragazzi continuano comunque a lavorare a un problema in fieri nella consapevolezza della sua importanza e attualità e completano la loro formazione nella cultura di una progettazione Web sensibile e rispettosa dei bisogni degli svantaggiati. C' poi un aspetto particolarmente innovativo: l'attenzione alla progettazione grafica del prodotto comunicativo.
Progettazione, non intesa in senso puramente estetico, ma all'insegna dell'accessibilità. Ad esempio, ricercare quale tra le numerose icone presenti una visualità tale da trasmettere one shot, più e meglio delle altre, il messaggio informativo che l'icona stessa trasmette a tutta la comunità Internet; scoprire, cioè, quale sia il più rapido e significativo collegamento mentale ad alcune categorie d'informazioni di usuale consultazione.

Risorse


A partire dal 2003, l'idea progettuale sostenuta da numerosi enti e associazioni del territorio, che riportiamo in ordine alfabetico:
Hanno collaborato, inoltre:

Internet senza barriere

"INTERNET SENZA BARRIERE", ovvero la rete senza barriere architettoniche, senza ostacoli di accessibilità: alla portati di tutti, appunto.
Riassumiamo le fasi temporali che caratte-rizzano gli step del processo:

Fase 1 settembre 2003 - marzo 2004
Lo start-up esaminare l'esistente e studiare alcuni aspetti che i ragazzi non hanno, nel loro curricolo scolastico, avuto occasione di approfondire. In termini di contenuti:
In termini di riflessioni: Questa fase si svolge in classe prevalente-mente nelle ore di informatica.

Fase 2 marzo 2004 - settembre 2004
Da questo momento il gruppo classe stato organizzato in due sottogruppi ai fini di ottimizzare il rapporto tempi/risultati:

Il gruppo "sito" coordinato da Stefano Torre studia l'impostazione da dare al sito Web ISB: lo progetta, lo realizza utilizzando un codice messo a disposizione da INFONET e lo riempie di contenuti, anche non eccessivamente selezionati e organizzati, per avere una base su cui effettuare i primi test di accessibilità, dai cui risultati dedurre azioni di ri-progettazione. I ragazzi lavorano in orario curricolare, ma anche durante i mesi estivi, in certe occasioni a scuola, più spesso in azienda come attività di integrazione scuola-lavoro.
Il gruppo "icone" si occupa della parte grafica per trovare icone che possano rappresentare in modo univoco le categorie del sito.
Le icone devono essere le più attendibili e chiare possibile, in quanto, al termine della ricerca sostituiranno il nome della categoria correlata nel nostro sito ISB; tutto ci finalizzato a:

Per raggiungere tali risultati, l'azione sul tema icone viene suddivisa in due tempi:
1. Ricerca e raccolta di molte centinaia di icone:
2. Normalizzazione delle icone.
Per normalizzazione si intende un'accurata selezione delle immagini in base a determinati criteri relativi a:

E' l'estate 2004 e nasce la prima versione del sito, reperibile all'indirizzo Web http://www.internetsenzabarriere.net

Fase 3 settembre 2004 - gennaio 2006
Questo step comprende la parte più importante del progetto, ovvero la validazione di tutto il lavoro. Il gruppo si posto importanti interrogativi, tra cui:

La terza fase si occupa, pertanto, dell'implementazione, della realizzazione e della lettura statistica di due serie di test:

I nostri ragazzi, progettisti ISB, svolgono un lavoro essenziale per la preparazione e la somministrazione dei test: alcuni sono on-line, altri cartacei. I primi necessitano di un monitoraggio costante e procedurale completamente affidato agli allievi; i secondi abbisognano di una lettura statistica da svolgersi attraverso l'elaborazione di grafici e tabelle. L'analisi dei risultati dei test si sviluppa nelle ore curricolari di statistica, sotto la guida attenta ed esperta della docente Anna Petruzzi. Lo spoglio e la lettura dei risultati permette di individuare ulteriori modifiche da apportare al sito nonchè scegliere le icone da inserirvi.
E' l'inizio del 2006 ed pronta la versione finale di http://www.internetsenzabarriere.it

Fase 4 gennaio 2006 - maggio 2006
L'ultima fase la sintesi di tutto il processo-prodotti, facendo la raccolta delle parti più significative del progetto per darne una presentazione organica che possa rendere ragione del lavoro svolto e dei risultati raggiunti affinchè altri possano trarne vantaggi e proseguire nel percorso intrapreso.

Considerazioni

Il bilancio finale sicuramente più che positivo. Gli allievi hanno potuto arricchire la loro formazione con un progetto condiviso sul territorio inerente aspetti di estrema attualità, pertinenti al loro profilo professionale e dalla sicura valenza formativa sia a livello tecnico sia a livello personale.
La scuola ha dimostrato che la collaborazione con le aziende e il territorio possibile e porta valore aggiunto al know-how di entrambi. Noi adulti, nei diversi nostri ruoli, abbiamo lavorato mettendoci idee, energie e risorse; siamo altres consapevoli di aver operato per i nostri ragazzi, per noi stessi e, ci auguriamo, anche per concorrere a rendere Internet un servizio per tutti.

Per proseguire nella lettura delle-book:
http://www.internetsenzabarriere.it/intranet/libretti/libretto3069-01-1.pdf

Per ricevere il libro in formato cartaceo scrivere a:
segr.amministrativa@isii.it